Quel dannato "silenzio degli onesti"

Scritto da gianpiero.ima..

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
   
paura del silenzioChi legge Campanesionline fin dal lontano 2007 sa che unknown don Pino Puglisi, unknown don Peppe Diana, unknown don Antonio Esposito, don Peppino Giovinazzo, unknown don Luigi Ciotti, unknown don Andrea Gallo sono stati ampiamente da noi menzionati su questo portale ogniqualvolta abbiamo preso posizione contro le mafie di vario genere e specie. Di essi abbiamo sempre evidenziato, più che altro, l'aspetto dell'impegno civile.

E adesso che una delle citazioni preferite da d. Puglisi, prima di venire assassinato, "Non ho paura delle parole dei violenti, ma del silenzio degli onesti" campeggia nel recente manifesto dell'Amministratore parrocchiale di Campana unknown don Francesco Bomentre, l'iniziativa di quest'ultimo non può che farci un grande piacere.

Interpretiamo tale manifesto come una sfida all'omertà che da un certo tempo ha messo le radici in paese, anche perché (neanche a farlo apposta) il giorno prima di poterlo leggere avevamo scritto, unknown sotto ad un un post del blog campanese "SoloquanTonevica" relativo a un tentativo di intimidazione di 'ndrangheta contro un sindaco della Locride, questo nostro commento : "... E' una scommessa su quale tipo di vita si vuol vivere in Campana nei prossimi decenni: su di essa ciascuno di noi fa, consapevolmente o inconsapevolmente, la sua propria puntata fin da ora, ed è fortemente sperabile che i giovani si mostrino più coraggiosi di quanto han mostrato finora i meno giovani".

Talvolta sul nostro portale ci è purtroppo toccato leggere, da parte di soggetti miopi e autoreferenziali, la stessa accusa di solito rivolta a unknown Roberto Saviano, e cioé che ammonire sulle magagne che mettono il paese 'in sofferenza' farebbe fare brutta figura al territorio. Ma allora che cosa fare, consequenzialmente, in questo momento: forse far trasferire l'evento dentro segrete catacombe, dopo avere stracciato e reso illeggibili i suddetti manifesti?

Ridicolo; anzi, se c'è viceversa una cosa che riteniamo utile a rafforzare l'iniziativa, e che ben speriamo si traduca in una "lectio magistralis" pubblica ed esplicativa sulla cultura della legalità, è la prevista partecipazione, come invitati, sia di un funzionario delle forze dell'ordine, sia di un rappresentante di " unknown Libera, associazione contro le mafie" ;  altro nome, quest'ultimo, anch'esso presente in più di un nostro articolo.

Perché, piaccia o non piaccia, è necessario parlare della unknown criminalità organizzata come di una piaga putrescente dotata di regole proprie, di 'princìpi' propri, di metodologie proprie, di strumenti propri, di miti propri, di una malefica 'attrazione' propria. E tra gli scopi da essa perseguiti non c'è soltanto la prevaricazione a fini di lucro, ma anche quello di sovrapporre, alla struttura societaria attuale, una struttura societaria modellata invece sugli incivili elementi 'propri' summenzionati.

Pertanto se a Campana qualche conseguenza di attività criminale già ci ha toccati e ci tocca da vicino (droga, armi, unknown intimidazioni, furti e abusivismi massivi di vario tipo, e così via), ancor più grave è il pericolo costituito dalla grande capacità di infiltrazione: la quale in tempi anche brevi riesce, attivando inevitabilmente proselitismo tra soggetti immaturi o insoddisfatti, ad inquinare (sia detto in versione anche solo laica) quel po' di princìpi etici e di convivenza civile che solitamente abbiamo appreso nella fase formativa dello sviluppo psicopedagogico, e a cui sono finora ispirati i nostri rapporti personali nella sfera privata e in quella pubblica.

In conseguenza del citato proselitismo, la classica metafora della cesta con le due mele marce a contatto con le altre dieci mele sane. Laddove però la bravura nell'applicare al meglio il noto aforisma "prevenire giova più del curare" consiste non tanto, o non soltanto, nel riuscire a sottrarre le due mele dal contatto con le altre dieci, quanto piuttosto nel saper predisporre fin dall'inizio una sana conservazione di tutta quanta l'intera dozzina di mele.

E su una tal questione, patetico ogni eventuale tentativo di scaricabarile: nessuno può considerarsi legittimato a tirarsi fuori.

Qui sotto, il manifesto succitato:

D.FrancescoB Contro la paura

   

   

linkchecking powered by Union Development
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

jDownloads Tree

Vocabolario

Visita o dai un contributo al nostro vocabolario delle parole e dei modi di dire

GuestBook

 Firma il libro degli ospiti 

Firma pure tu il nostro libro degli ospiti